Programma Elettorale

SCIENZE POLITICHE

SPAZI

  1. Dotazione di banchi con prese elettriche (analogamente all’aula I) e riparazione prese elettriche II piano (banchetti e corridoi);
  2. Riapertura Aula XVIII “Vittime innocenti di tutte le mafie” come luogo di ritrovo degli studenti;
  3. Riapertura e prolungamento degli orari delle Biblioteche e delle aule studio del Dipartimento di Scienze Politiche (fino le 24:00);
  4. Distributori automatici con prodotti locali e basso impatto ambientale e più salutari (plastic-free).
  5. Dispenser gratuiti dell’acqua
  6. Eliminazione totale delle barriere architettoniche presenti all’interno dell’edificio.

DIDATTICA

  1. Riformulazione del calendario didattico in modo tale da evitare appelli sovrapposti o in date ravvicinate: i 10 appelli annuali perdono di efficacia nella formulazione attuale, secondo cui lo studente dovrebbe sostenere, in particolar modo nella sessione estiva, tre (o più) esami nel giro di 30-40 giorni e poi stare fermo per 2 mesi.
  2. Rafforzamento infrastrutture digitali dell’UNIBA: internet point in dipartimento con possibilità di utilizzare devices digitali forniti dall’Università e un accesso ad internet ottimale, utilizzando, ampliando e ammodernando l’aula di informatica al secondo piano.
  3. Offrire supporto didattico alternativo agli studenti che rientrano nella categoria di soggetti fragili, agli studenti lavoratori e agli studenti genitori, come ad esempio: orari di lezione e attività didattiche più flessibili, nuovi percorsi dedicati, didattica integrata.
  4. Implementazione dei materiali didattici all’interno delle biblioteche con costanti aggiornamenti riguardo le nuove edizioni affinché sia garantito agli studenti che tutti i testi consigliati nei programmi di insegnamento siano adeguatamente presenti nelle biblioteche di riferimento per consultazione e prestito (art. 3 c.5 Statuto Dei Diritti e Dei Doveri degli Studenti).
  5. Riportare i laboratori pre – tirocinio del corso di Scienze del Servizio Sociale (L-39) a maggio di ogni anno accademico (attualmente si svolgono a settembre) affinché venga evitato lo slittamento dell’attività di tirocinio curriculare all’anno accademico successivo rispetto a quanto previsto dall’offerta formativa.
  6. Rivedere le offerte formative dei CdS del Dipartimento, potenziando, con particolare riferimento alla triennale di SP e alla magistrale di RISE, l’apprendimento delle lingue.
  7. Favorire l’internazionalizzazione del Dipartimento potenziando i programmi Erasmus+ attraverso un maggior numero accordi con le Università estere
  8. Laboratori di orientamento post lauream:
     – per SP e RISE prevedere laboratori per la preparazione al Concorso diplomatico.
     – per SPEA e SA prevedere corsi di preparazione ai Concorsi Pubblici
     – per SSSS (L-39) e ISPI prevedere corsi organizzati dal Dipartimento per la preparazione all’Esame di Stato per l’abilitazione all’esercizio della professione di Assistente Sociale
     – per SSSS (L-40) prevedere laboratori specifici in Progettazione e gestione dello sviluppo territoriale e in Data Analysis per la ricerca sociale.
    Introduzione seduta di laurea a dicembre per tutti i CdL del Dipartimento (triennali e magistrali)
  9. Condivisione dei materiali del docente attraverso l’utilizzo di piattaforme e-learning.
  10. Calendarizzazione obbligatoria per esami con più di 50 iscritti
  11. Formazione in università in ordine alle questioni di genere, LGBT+ e all’educazione alle differenze attraverso lezioni tematiche e/o percorsi laboratoriali: vogliamo una didattica alternativa e orizzontale che sia in grado di integrare insegnamenti tradizionali con percorsi innovativi e formativi per studenti e docenti.
  12. Introdurre l’attività di tirocinio curriculare nell’offerta formativa dei corsi di SP e SPEA:
  13. Ampliamento degli enti convenzionati e miglioramento della Piattaforma PortiamoValore